Immagine
Coro di San Fedele in Como
Autore: Gerardo Monizza
17 Novembre 2007

A vent’anni dalla morte di don Aldo Pini (avvenuta nel settembre del 1987 dopo una lunga e dolorosa malattia) il Coro della basilica vuole ricordare fondatore che fu, per sei anni, anche attivo ed innovativo direttore. Fu infatti don Aldo Pini che nel 1965, continuando una tradizione di servizio essenzialmente liturgico (che riuniva solo per Pasqua e Natale una corale maschile coadiuvata da un gruppo di bambini per le voci di soprano e contralto) raccolse l’entusiasmo di alcuni ragazzi amanti della musica per trasformarne l’energia giovanile in un progetto di coro più moderno e professionale.

Il Coro della Basilica di San Fedele si formò innanzitutto sulle nuove musiche che alcuni compositori comaschi (Luigi Picchi e Felice Rainoldi) stavano proponendo per rinnovare il repertorio dopo le direttive del Concilio vaticano II, ma allo stesso tempo iniziò ad eseguire brani classici tratti dal repertorio di musicisti comaschi dei secoli XVII e XVIII.

Al lavoro di studio e di canto si affiancò quello della ricerca e della riproposizione di mottetti, messe e cantate quasi dimenticate negli archivi musicali della città. L’entusiasmo di don Aldo si estese al coro composto, allora, da giovani e ragazze neanche ventenni. Numerosi furono i concerti in città, nei paesi vicini ed anche in Svizzera con un repertorio sempre arricchito di nuovi brani e con la collaborazione musicale di solisti e organisti di grande disponibilità e bravura. Nel 1971 don Aldo Pini lasciò Como per diventare parroco a Scaria Intelvi, poi a Bellagio, ma il Coro continuò l’attività (ed ancora continua rinnovato in gran parte degli elementi) da allora sempre sotto la direzione di Oscar Tajetti, maestro di Cappella della basilica di San Fedele.

L’insegnamento e l’entusiasmo di don Aldo Pini tuttavia non sono stati dimenticati dai vecchi coristi che, dopo quarant’anni, hanno ritrovato la voglia di cantare e, assieme al Coro di San Fedele, vogliono ricordare l’antico maestro e amico.

Il programma dell’Elevazione Musicale di oggi prevede musiche insegnate da don Aldo o che, da ottimo solista e organista, egli amava cantare e suonare: una “Sarabanda” di Labarre, “Gagliarda” di Anonimo, e “Tuba insonet salutari” di Luigi Picchi saranno eseguite da Raffaele Bellotti, organista titolare della Basilica di San Fedele. Il Coro eseguirà “Kyrie, Gloria e Sanctus” dalla “Missa brevis” di Francesco Spagnoli Rusca (Maestro di Cappella del Duomo di Como fino al 1704). Durante la messa (alle ore 18) il coro eseguirà brani liturgici di Luigi Picchi e musiche di Felice Rainoldi dedicate, dall’autore, al coro di San Fedele. La scelta delle musiche è di Oscar Tajetti che, temporaneamente impossibilitato a dirigere, ha affidato il coro a Samuele Dotti.

NodoLIbri pubblicherà, nella collana iSuoni, la storia del Coro di San Fedele in Como con un CD delle registrazioni effettuate nel 1971 e alcuni brani di musica antica comasca registrati in occasione dell'uscita di questo libro.



...
Gallery

Coro_san_Fedele_1967.jpg Coro_San_Fedele-rid.JPG Pini_don_Aldo_1939-1987.jpg        


...
File allegati

...
Parole chiave:



...
INDIETRO

NodoLibri
Via Gerolamo Borsieri 16 - 22100 Como, Italia | Tel +39 031 266787 | Fax +39 031 2450028 | E-mail: info@nodolibri.it
Nodo Snc | P.Iva 01241530136 - NodoMedia Srl | P.Iva 03470900139
Facebook | https://www.facebook.com/NodoLibriComo | https://www.facebook.com/NodoMedia

NODOLIBRI NodoLibri :: Catalogo :: Autori :: Percorsi :: News :: Press Release :: Info/Contatti :: Links
NODO APPROFONDIMENTI Approfondimenti :: Storia di Como :: Biblioteca Virtuale :: Newsletter :: Librerie e Biblioteche

Realizzazione sito web e sistema gestionale: Eden Design ,Solfo