Immagine
MAPPA DELLA MEMORIA
Autore: Istituto di Storia Contemporanea
21 Aprile 2009

Presentata il 21 aprile 2009 in una conferenza stampa presso l’Istituto di Storia Contemporanea, la Mappa della memoria dedicata agli anni 1943-1945 è in distribuzione gratuita a partire dalle celebrazioni del 25 aprile.

La mappa è edita dall’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como, con il contributo del Circolo Culturale Ricreativo di via Masaccio 2/4 a Como, e con il progetto grafico di Nodo.

La mappa presenta i luoghi della città di Como in cui sono svolti gli avvenimenti della fine della seconda Guerra mondiale e della Resistenza: le fabbriche degli scioperi, i luoghi del potere fascista e della repressione, i centri dell’occupazione tedesca, i principali punti in cui si svolse l’attività antifascista e la lotta di liberazione.
Questi dati sono presentati in una sintesi grafica, distribuiti su una mappa della città di Como, e in una sintesi storica, con essenziali informazioni.

Nel breve testo di introduzione si legge:
«Una mappa si sforza di individuare sul territorio punti precisi che consentano di costruire le coordinate spaziali entro cui muoversi. Una mappa della memoria cerca di costruire, attraverso alcuni elementi fisici essenziali, un percorso per ritrovare la reale consistenza dei fatti che hanno attraversato la storia recente del territorio.
[…] Camminare e ritrovare questi luoghi vuol dire che la storia non si svolge in un mondo teorico lontano da quello reale, ma, al contrario, che le persone hanno dovuto fare i conti con la concreta disposizione delle strade, degli edifici, della stessa popolazione. […] Se la Resistenza, la guerra, e la lotta di liberazione nel Comasco si sono svolte come si sono svolte, ciò è dovuto anche alla configurazione geografica del territorio e della città. […] Per questo tornare sui luoghi, misurare i passi da una fabbrica in sciopero a una caserma della Guardia Nazionale Repubblicana pronta alla repressione non è un’operazione di semplice nostalgia, ma è, invece, un modo per capire che quegli eventi sono stati l’opera di persone reali, che si confrontavano con condizioni reali su cui non sempre riuscivano a intervenire.
Nel contempo misurare le dinamiche temporali, dalla Casa del Fascio alla sede della Guardia di Finanza, ma anche l’usura del tempo, ci ricorda che la storia non è mai una cosa fredda e libresca, ma è fatta di uomini e di donne, di sangue e di fatiche.»



...
Gallery



...
File allegati
Mappa della memoria (pdf, 2.01 MB)

...
Parole chiave:



...
INDIETRO

NodoLibri
Via Gerolamo Borsieri 16 - 22100 Como, Italia | Tel +39 031 266787 | Fax +39 031 2450028 | E-mail: info@nodolibri.it
Nodo Snc | P.Iva 01241530136 - NodoMedia Srl | P.Iva 03470900139
Facebook | https://www.facebook.com/NodoLibriComo

NODOLIBRI NodoLibri :: Catalogo :: Autori :: Percorsi :: News :: Press Release :: Info/Contatti :: Links
NODO APPROFONDIMENTI Approfondimenti :: Storia di Como :: Biblioteca Virtuale :: Newsletter :: Librerie e Biblioteche

Realizzazione sito web e sistema gestionale: Eden Design ,Solfo